Contributo a fondo perduto e bonus professionisti. decreto “Rilancio”), sia che abbiano concretamente fruito delle indennità previste, rispettivamente dall’art. IPOTESI 2: la mia azienda fattura circa 240 k l’anno emettendo due fatture da 120 k l’anno. per i soggetti che hanno iniziato l’attività tra gennaio e aprile 2019 o per i soggetti che hanno il domicilio o la sede operativa nei Comuni colpiti da eventi calamitosi: se la differenza tra i ricavi/compensi di aprile 2020 e quelli di aprile 2019 è negativa, il contributo si calcola applicando a tale differenza la percentuale prevista. Tuttavia con il Ristori quater restano esclusi i professionisti ordinistici che non potranno beneficiare del contributo a fondo perduto. per i titolari di attività di impresa, i ricavi di cui all’art. Durante l’incontro, inevitabilmente, si è parlato anche del contributo a fondo perduto, dal quale i professionisti iscritti alle casse private e agli Ordini risultano esclusi. 25 esclude la cumulabilità tra il bonus dei 600 euro e il contributo a fondo perduto per i professionisti e i co.co.co iscritti alla gestione separata Inps, per i lavoratori dello spettacolo e per i professionisti ordinistici iscritti alle casse private di appartenenza. Nel Ristori 3 contributi a fondo perduto anche per i professionisti e per le imprese che benché operativi abbiano subito un calo del fatturato. 25 del DL 34/2020, le cui istanze possono essere presentate da oggi. 27 del Decreto Cura Italia (soggetti iscritti alla gestione separata INPS); i predetti compensi devono essere conteggiati al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico del cliente e addebitati in fattura dal professionista. Fondo perduto anche ai professionisti delle casse private, si apre uno spiraglio. Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti. Il bonus contributo a fondo perduto, previsto dal “decreto Rilancio” (Dl n. 34 del 19 maggio 2020), consiste nell’erogazione ai titolari di attività d’impresa, di lavoro autonomo e agricole, di una somma di denaro commisurata alla diminuzione di fatturato causata dall’emergenza Coronavirus. in questo caso il contributo a fondo perduto e’ pari a zero. Contributi a fondo perduto, restituzione senza sanzioni per i professionisti in studi associati. Ai fini della verifica del requisito, l’importo da considerare deve riferirsi al complesso delle attività esercitate dal contribuente, per le quali sia ammessa la richiesta del contributo e deve essere calcolato sommando: Per ottenere l’erogazione del contributo a fondo perduto, inoltre, deve essere soddisfatto almeno uno tra i seguenti requisiti: Agenzia delle Entrate - via Giorgione n. 106, 00147 Roma In sostanza, in tali casi, il contributo a fondo perduto COVID-19 spetta anche se, ad esempio, l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 fosse pari a zero. Il contributo a fondo perduto è escluso da tassazione sia per quanto riguarda le imposte sui redditi sia per l’Irap e non incide sul calcolo del rapporto per la deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi di reddito, compresi gli interessi passivi. ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’analogo ammontare del mese di aprile 2019, inizio dell’attività a partire dal 1° gennaio 2019. domicilio fiscale o sede operativa situati nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi (sisma, alluvione, crollo strutturale), i cui stati di emergenza erano in atto alla data del 31 gennaio 2020 (dichiarazione dello stato di emergenza da Coronavirus). Le novità nel decreto legge n. … Contributo a fondo perduto, professionisti esclusi dal Decreto Ristori bis Il Decreto Ristori bis prende forma. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Requisiti per accedere al contributo Presidente #Santoro: “Da Governo ennesima prova di insipienza che crea solo discriminazioni. . se tale differenza è pari a zero o positiva, spetta l’importo minimo del contributo. Codice Fiscale e Partita Iva: 06363391001. sogei.agenzia.header.languages.available : Prevenzione della corruzione e trasparenza, Informativa sul trattamento dei dati personali, Prenota un appuntamento e recapiti uffici, 20%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 euro, 15%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia precedente ma non l’importo di 1.000.000 euro. per i titolari di attività di lavoro autonomo, i compensi di cui all’art. L’ammontare del contributo a fondo perduto è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato di aprile 2020 e l’ammontare del fatturato di aprile dello scorso anno: 10% per soggetti con ricavi o compensi compresi tra 400.000€ e 5.000.000€; Contributo a fondo perduto, professionisti definitivamente esclusi: il testo del decreto Rilancio lascia fuori gli iscritti alle Casse private, che potranno contare solo sul rifinanziamento del bonus di 600 euro. Se il risultato è inferiore, spetta comunque l’importo minimo del contributo. Niente contributo a fondo perduto per molti liberi professionisti, esclusi dal provvedimento che il governo ha licenziato in favore di bar, ristoranti, palestre e così via. Contributo a fondo perduto per spese connesse all’avvio e al funzionamento dei primi tre anni di attività di uno studio associato o di una società tra professionisti. In questo quadro condividiamo la necessità di ristorare, sulla base dei dati del 2020, anche i liberi professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatori o alla Gestione separata”. Perché solo questi essendo esclusi dal bonus 1000 euro potevano fare domanda per il contributo a fondo perduto, gli altri professionisti al più dovevano richiedere, autocertificando un calo nel bimestre 2020 rispetto al bimestre 2019 , il bonus 1000 euro Inps maggio. Per ottenere l’agevolazione è necessario aver conseguito nel 2019 un ammontare di ricavi e compensi non superiore a 5 milioni di euro. Inoltre, il contributo non spetta ai: Professionisti che hanno goduto delle indennità previste dall’art. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie. Rinvio delle dichiarazione dei redditi in scadenza il 30 novembre e una sorta di rottamazione per le procedure fallimentari. Io ho aperto PI nel 2019 quindi se potessi accedere al fondo perduto avrei diritto a 1000 euro in quanto start up. 34/2020 Decreto Rilancio introduce un credito d’imposta per canoni di locazione, verrà riconosciuto in presenza dei requisiti riportati di seguito: Sono tuttavia esclusi: • i professionisti iscritti alla gestione separata INPS (soggetti che hanno diritto alla percezione delle indennità di cui all’art. L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 15 pubblicata sabato scorso, ha fornito i primi chiarimenti sul contributo a fondo perduto ex art. Il contributo si determina con formula diversa: Il contributo a fondo perduto è escluso da tassazione sia per quanto riguarda le imposte sui redditi sia per l’Irap e non incide sul calcolo del rapporto per la deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi di reddito, compresi gli interessi passivi. Le percentuali previste sono le seguenti: Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. per i soggetti che hanno iniziato l’attività da maggio 2019, spetta l’importo minimo del contributo. L’aiuto è concesso nella forma di un contributo a fondo perduto una tantum, pari a € 1.500,00 (millecinquecento/00) per ciascuna impresa richiedente. Codice Fiscale e Partita Iva: 06363391001. sogei.agenzia.header.languages.available : Prevenzione della corruzione e trasparenza, Informativa sul trattamento dei dati personali, Prenota un appuntamento e recapiti uffici, per i titolari di reddito agrario, il volume d’affari. L’ammontare del contributo si calcola applicando una diversa percentuale alla differenza tra l’importo del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’analogo importo del mese di aprile 2019. Agenzia delle Entrate - via Giorgione n. 106, 00147 Roma Non ho ancora capito se un libero professionista con gestione separata può accedere al contributo a fondo perduto. Il contributo a fondo perduto spetta ai titolari di reddito di reddito agrario, alle società di persone e di capitali, agli enti commerciali, agli artigiani e commercianti, agli esercenti arti e professioni titolari di lavoro autonomo, escluso i professionisti iscritti all’albo e le casse private. Gli stessi articoli fanno riferimento ai professionisti iscritti alla gestione separata INPS e a lavoratori dello … Contributo a Fondo perduto per le imprese e professionisti 30 Maggio 2020 L’articolo 25 D.L. Per le società con esercizio non coincidente con l’anno solare, occorre fare riferimento al periodo d’imposta precedente a quello in corso al 19 maggio 2020 (data di entrata in vigore del decreto Rilancio). I professionisti iscritti alla Gestione separate INPS e i lavoratori iscritti al Fondo pensioni “Lavoratori dello spettacolo” sono esclusi “a priori” dai soggetti che possono fruire del contributo a fondo perduto di cui all’art. Contributo a fondo perduto per i professionisti: fatti, numeri, commenti e polemiche. Viene previsto un contributo a fondo perduto per imprese, anche agricole, e titolari di reddito di lavoro autonomo. Attenzione: L’istanza per la richiesta del contributo a fondo perduto va presentata dal 15 giugno al 13 agosto; per gli eredi il periodo di presentazione va dal 25 giugno al 24 agosto. 02/12/2020 - Ha generato delusione la mancata inclusione dei professionisti ordinistici tra i beneficiari del contributo a fondo perduto. Con un Tweet, Inarcassa il 21 maggio 2020, rendeva note le parole del Presidente Santoro che esprimeva dissenso circa la scelta del Governo di escludere dal contributo a fondo perduto i professionisti ordinistici. 10%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia precedente ma non l’importo di 5.000.000 euro. PROFESSIONE Professionisti esclusi dal contributo a fondo perduto, perplessità da Adepp 02/12/2020 PROFESSIONE Professionisti, slitta il pagamento di imposte, ritenute, Iva e contributi L’Agenzia delle Entrate è intervenuta con i primi chiarimenti sul contributo a fondo perduto. Ad aprile 2019 ha fatturato 120k. Nel decreto Rilancio solo il bonus 600 euro. Il decreto cosiddetto «Rilancio», pubblicato in Gu, riconosce a imprese e lavoratori autonomi, che abbiano subìto una perdita di fatturato per l'emergenza Covid, la possibilità di accedere a contributi a fondo perduto, ma esclude esplicitamente, con una modifica dell'ultimo minuto, i professionisti iscritti alle casse private. I dubbi interpretativi circa la possibilità per le associazioni tra professionisti di accedere al contributo a fondo perduto sono stati sciolti dalla circolare n. 22/E del 21 luglio 2020 , con la quale è stata ribadita l’ esclusione dalla misura per i professionisti con cassa anche se facenti parte di studi associati. Ma i professionisti ordinistici sono fuori dalle nuove misure, pensate per indennizzare i titolari delle attività che hanno subìto restrizioni a causa dell’emergenza sanitaria causata dalla … L’art. Prima di tutto il contributo a fondo perduto non spetta a coloro che hanno chiuso la loro attività entro il 31 marzo 2020. Il bonus contributo a fondo perduto, previsto dal “decreto Rilancio” (Dl n. 34 del 19 maggio 2020), consiste nell’erogazione ai titolari di attività d’impresa, di lavoro autonomo e agricole, di una somma di denaro commisurata alla diminuzione di fatturato causata dall’emergenza Coronavirus. Contributi a fondo perduto, niente da fare per i professionisti, esclusi anche dal decreto Ristori quater.. i corrispettivi delle cessioni di materie prime e sussidiarie, di semilavorati e di altri beni mobili - esclusi quelli strumentali - acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione. Ecco il Tweet: #Inarcassa #Decreto_Rilancio. 54 comma 1 del TUIR, ossia: i compensi in denaro o in natura percepiti - anche sotto forma di partecipazione agli utili - nell’esercizio dell’arte o della professione. 85 comma 2 lettere a) e b) del TUIR, ossia: i corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività dell’impresa. Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti. 25 del DL 34/2020 (c.d. contributo a fondo perduto, Dl Rilancio, indennità 600 euro Ristori quater: in arrivo contributo fondo perduto professionisti e autonomi Le risorse del decreto Ristori quater serviranno anche a dare ristoro alle imprese delle Regioni che nel frattempo hanno cambiato colore, passando da giallo ad arancione e da arancione a rosso, costringendo le … Da alcuni giorni è possibile presentare all’Agenzia delle Entrate, da sempre spauracchio per moltissimi artigiani e commercianti, la domanda per ottenere i 1000 o 2000 euro del contributo a fondo perduto statuiti col decreto Rilancio. 27 del DL Ad oggi, il Decreto Legge 19 maggio 2020 n.34, esclude categoricamente i professionisti iscritti alle Casse di previdenza private e i beneficiari del bonus 600 euro previsti dagli art.27 e 38 del Decreto Cura Italia, dal contributo a fondo perduto.